Forget the borders, not the afghan girls - Mosaico Azioni per i Rifugiati
2327
post-template-default,single,single-post,postid-2327,single-format-standard,bridge-core-3.0.5,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,footer_responsive_adv,transparent_content,qode-theme-ver-29.2,qode-theme-bridge,qode-wpml-enabled,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive

Forget the borders, not the afghan girls

Forget the borders, not the afghan girls

Ad un anno dalla presa al potere talebano, confronto tra ricercatori per discutere sull’attuale mancanza di opportunità educative per le ragazze afghane e di libertà accademica in Afghanistan.

 

L’iniziativa, organizzata dalla ricercatrice afghana Shakofa Barakzai in collaborazione con Mosaico Refugees, si propone di avviare un dialogo a più voci in difesa del diritto di espressione e di studio, per tutte e tutti nel mondo. Diverse personalità internazionali porteranno il proprio contributo a sostegno della libertà accademica. Ad aprire la tavola sarà proprio l’organizzatrice dell’evento, Shakofa Barakzai, da febbraio coinvolta nel progetto di Mentorship dell’Università di Torino a supporto degli studenti rifugiati e fondatrice del centro di consulenza e ricerca scientifica dedicato alle persone migranti. A seguire, Husna Raufi, giornalista afghana residente a Kabul che ha pubblicato recentemente un report per raccontare la verità sul coinvolgimento dei talebani nell’ambiente accademico; Julia Runte responsabile presso il Global Campus del progetto per studenti e studiosi afghani minacciati, dove coordina le attività e l’amministrazione; Abdul Wahed Afzali, visiting professor e ricercatore presso l’Università di Torino, esperto nei temi di arbitrato commerciale, diritto contrattuale e globalizzazione del diritto; Parwana Sadat nata a Kabul, studentessa liceale al Saydal – Nasari International High School, fa parte di un gruppo di studenti meritevoli e come altre milioni di ragazze afghani, sta aspettando che la sua scuola riapra per l’anno scolastico; Simona Taliani, professoressa associata presso l’Università di Torino, nella quale insegna Antropologia dell’Infanzia e coordina il laboratorio di Antropologia Critica delle Migrazioni; Ziaullah Karokhel, responsabile del progetto HOSA, ha una lunga esperienza nella gestione di informazioni, comunicazione ed analisi dati.

L’evento, ad ingresso libero, si terrà integralmente in inglese presso la Casa del Quartiere di San Salvario dalle 18 alle 20.